contro il carcere e la repressione

Comunicati Stampa

  • Presentazione de Le Cayenne italiane di Pasquale de Feo a Cosenza
    Leggi »
  • SULLA MORTE DI ANTONIO VERDE
    Leggi »
  • Sopravvitto o sovraprezzo? Il business nascosto
    Leggi »
  • SOLIDARIETA' AI DETENUTI DI SIANO: SI ALLE LORO RICHIESTE PER GARANTIRE L'EFFETTIVITA' DEL DIRITTO ALLA SALUTE
    Leggi »
  • SULLA DICREZIONALITA' DELLA MAGISTRATURA DI SORVEGLIANZA
    Leggi »
  • Detenuti in sciopero contro l'ergastolo ostativo
    Leggi »
  • Ancora malasanit nel carcere di Siano
    Leggi »
  • Dieni M5S Si consenta alla famiglia di assistere il parente terminale
    Leggi »
  • QUEL BATTERIO HA COLPITO ANCHE ME. CURARSI IN CARCERE E' IMPOSSIBILE!
    Leggi »
  • DIENI M5S Le istituzioni verifichino il rischio epidemia nel carcere di Catanzaro
    Leggi »
  • RISCHIO EPIDEMIA DA "CLOSTRIDIUM DIFFICILE" NEL CARCERE DI SIANO DOPO LA MORTE DI MICHELE ROTELLA
    Leggi »
  • Agli imbrattamenti seguono le minacce
    Leggi »

  • Leggi »

  • Leggi »
  • Alfano e Maroni: "Riapriremo Pianosa e l'Asinara"
    Leggi »

  • Leggi »
  • E' uscito il nuovo libro di Carmelo Musumeci, L'assassino dei sogni
    Leggi »
  • Si suicida in carcere Diana Blefari
    Leggi »
  • Ergastolano si suicida nel carcere di via Burla
    Leggi »

  • Leggi »
  • Lettera dal carcere di Asti
    Leggi »

  • Leggi »

  • Leggi »
  • ExKarcere ri-occupa
    Leggi »
  • comunicato post-corteo: 19 settembre corteo per non dimenticare Abba e fermare il razzismo
    Leggi »
  • Palermo ha un nuovo ExKarcere!!
    Leggi »
  • APPELLO PERUN MESE DI INIZIATIVE diffuse per affermare in tutti i nostri territori ORA BASTA, RAZZISMO STOP
    Leggi »
  • NOI NON PAGHIAMO IL PIZZO, NOI LOTTIAMO!
    Leggi »
  • In una lettera il dramma di un detenuto "Sono dimagrito troppo, sto muorendo"
    Leggi »
  • PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI-comunicato dell'associazione Papillon Rebibbia
    Leggi »
  • Contro lo sgombero dell'ExKarcere!!!
    Leggi »
  • Sulla manifestazione noponte dell'8 agosto
    Leggi »
  • BRUNO BELLOMONTE LIBERO, LIBERI TUTTI!
    Leggi »
  • la lega fa scuola in calabria...ma al pd
    Leggi »
  • lettera aperta indirizzata ai mezzi di informazione ed ai membri del parlamento
    Leggi »
  • nel carcere di siano
    Leggi »
  • l'ergastolo, il carcere e la speranza
    Leggi »
  • Una giornata nel girone di Siano
    Leggi »
  • dal diario di Carmelo Musumeci
    Leggi »
  • Carenze e attuazione del Dpr 230/2000 nella Casa Circondariale di Palmi (RC)
    Leggi »
  • NON LASCIAMOLI SOLI
    Leggi »
  • Caruso contro ergastolo sciopero fame in 50 istituti
    Leggi »

  • Leggi »

  • Leggi »
  • Nuova visita di Caruso al carcere di RC
    Leggi »
  • FIGLI DI UN DIO MINORE
    Leggi »

  • Leggi »

Notizie

03-03-2016
Le istituzioni verifichino il rischio epidemia nel carcere di Catanzaro
Leggi »

29-02-2016
Catanzaro: a 75 anni muore in carcere per un'infezione, aperta inchiesta
Rotella infatti il 27 gennaio era stato trasferito dal carcere di Gazzi alla Casa circondariale di Catanzaro. Nel carcere calabrese, secondo le poche informazioni acquisite dai familiari, da circa una settimana aveva accusato sintomi da enterite, ma il quadro clinico, evidentemente sottovalutato si era rapidamente aggravato fino al ricovero in terapia intensiva. Il certificato di ricovero ottenuto dai familiari reca la data del 23 febbraio ed una diagnosi di ingresso di paziente in stato di shock multiorgano, con enterite da clostridium difficilis ed una prognosi di imminente pericolo di vita. Leggi »

16-04-2010
Milano, chiesti 27 anni di carcere per il comandante ROS Ganzer
Leggi »

14-10-2009
Rubati i computer degli avvocati degli indipendentisti sassaresi
Leggi »

22-09-2009
Operazione Rewind
Arresti Rewind Torino, allegerite misure cautelari Leggi »

Leggi tutte le notizie »

Comunicato stampa: Ancora malasanit nel carcere di Siano

Da Il quotidiano del 19/03/2016 

“Se errare è umano, perseverare è diabolico” diceva un vecchio adagio. E così che a distanza di 22 giorni dalla morte del signor Michele Rotella siamo costretti a dover denunciare l’ennesimo caso di malasanità carceraria, disumanità e violazioni dei diritti umani nel carcere di Siano. In una lunga lettera la signora Marta racconta le storia di suo marito Antonio, 57 anni, detenuto ininterrottamente da 11 anni a Catanzaro. Da oltre 7 mesi accusava forti dolori all’addome e alla schiena, viene visitato dai medici del carcere e viene liquidito con pasticche e lavaggi antidolorifici ma senza una vera e propria diagnosi. Questa terapia, nonostante l’acuirsi dei dolori diventati ormai ininterrotti, è proseguita fino ad un mese fa fino a quando, quindi, non è intervenuta la famiglia che ha “suggerito” ai medici carcerari una gastroscopia. Purtroppo, visti i tempi biblici della sanità pubblica,  la sua famiglia è stata costretta a prenotare in una  struttura privata l’esame diagnostico. L’esito è negativo, ma nonostante questo le condizioni continuano a peggiorare. Dopo 15 giorni sviene in carcere, completamente giallo in faccia e, solo grazie alla rivolta degli altri detenuti viene portato in ospedale dove lo ricoverano per sospetto tumore al pancreas, da Catanzaro ne dispongono il trasferimento a Reggio Calabria per carenza di posti. Per i medici del carcere non era necessario. I familiari vengono avvisati del ricovero solo al colloquio mensile. “una volta arrivati a Reggio troviamo un uomo malato, rinchiuso in una cella e abbandonato a se stesso”, senza assistenza alcuna perché il personale è limitato”. La richiesta di poterlo assistere viene rigirata dal Magistrato di Sorveglianza alla direzione penitenziaria e quest’ultima concede altre tre ore extra oltre alle 4 ordinarie di colloquio. Ma le condizioni del sig. Antonio peggiorano e proprio oggi i medici confermano il tumore al pancreas, con la compromissione delle vie biliari del fegato e con diverse metastasi. Non c’è più nulla da fare. È terminale. La signora Marta sta aspettando che la magistratura di sorveglianza disponga la scarcerazioneper farlo morire a casa.

 

Oltre a tutte le violazioni dei diritti umani, dell’ordinamento penitenziario e della costituzione che si vedranno in seguito e in opportuna sede, l’aspetto più aberrante e disumano di questa storia e che, nonostante sia terminale  non viene permesso ai familiari, alla moglie in particolare di assistere il marito in questa lenta e disumana agonia.

Adesso magari il direttore generale dell’asp di Catanzaro uscirà pubblicamente con la difesa d’ufficio dell’area sanitaria di Siano, la direttrice magari dichiarerà che il sig. Antonio sta andando a morire a casa sua e che quindi non si può parlare di morti in carcere, probabilmente nei piani alti troveranno le giustificazioni più astruse per autoassolvere un sistema di per sé violento e fuorilegge, che oltre alla libertà ti nega la possibilità di curarti prima e di morire umanamente poi.

Ricordiamo a lor signori che anche i condannati a morte hanno diritto ad esprimere l’ultimo desiderio, pertanto chiediamo pubblicamente, a tutti quanti di competenza,  che la signora Marta possa assistere il marito in attesa che venga disposta la scarcerazione. E che il ministero della saluta disponga immediatamente un’ispezione nel Carcere di Siano. Un morto e un malato terminale in 10 giorni sono veramente troppi.

 

Associazione Yairaiha Onlus

 

(Pubblicato il 22-03-2016)